Giacomo Nobbio - ibridatore - ibridazione garofano, garofani sanremo
italiano english
newsletter
Home   Ricordano Nobbio    I grandi ibridatori    Ibridazione    Floricultura    Evoluzione del garofano    Rassegna stampa    Bibliografia   
 
"IL SECOLO XIX - 13/01/2005"
L’addio a Nobbio, padre della floricoltura

"IL SECOLO XIX - 10/02/2003"
La principessa sceglierà il suo fiore

ROLANDO E SOLERIO RICORDANO NOBBIO
"Eco della Riviera - 30/04/1981"
Ventiquattro primi premi per i fiori della riviera

da "Gallery Editore" - 1992
L'Azienda fioricola Nobbio
Nuove varietà di garofani

giornalino dell'AISM 2010

Ibridazione
Hybrida
Links
Raffaele Di Meglio
Vacanze Ideali
www.nobbio.com
Condividiamo.net

VIDEO
- Giogio Bocca intervista Giacomo Nobbio

 

"IL SECOLO XIX - 13/01/2005"
L’addio a Nobbio, padre della floricoltura



Sanremo. Lutto nel mondo della floricoltura, è morto Giacomo Nobbio. Vero e proprio pioniere del settore, è considerato uno dei padri, uno dei principali riferimenti della floricoltura sanremese. E' mancato all'età di 81 anni, il funerale sarà celebrato questa mattina alle ore 10,30 presso la Concattedrale di San Siro.

Dopo la laurea in Agraria all'Università di Torino, durante la guerra, cominciò a lavorare con lo zio Quinto Mansuino che gli trasmise le tecniche e la passione per i fiori e per la ricerca di nuove varietà. Mansuino e Nobbio sono alcuni tra i nomi più importanti della storia della floricoltura sanremese, negli anni di grande sviluppo, contribuendo a far crescere, a diffondere il nome di Sanremo, città dei fiori, in tutto il mondo. Già all'inizio degli anni 40 Nobbio fece le sue prime prove di ibridazione e verso la metà degli anni Cinquanta diede vita alla sua azienda.

Giacomo Nobbio era un ibridatore esperto e soprattutto un grande appassionato, sapeva rendere speciali le sue creazioni avventurandosi per vie ancora sconosciute, studiando colture innovative, incrociando colori, forme, scoprendo varietà selvatiche in grado di regalare sfumature uniche. Fu presidente dell'Unione Provinciale Agricoltori di Imperia alla fine degli anni cinquanta, Amministratore dell'Istituto Regionale per la Floricoltura alla fine degli anni ottanta ed è stato anche vice presidente dell'Ordine dei dottori agronomi della Provincia di Imperia e Presidente dell'ANFI (Associazione Nazionale Floricoltori ed Ibridatori).

«Ibridò sempre specie mediterranee ricordano all'Unione Agricoltori di Sanremo migliorandone i caratteri, per arrivare al "garofano a calice intero". Creò una nuova linea di garofani incrociando diverse specie selvatiche tra cui il "Dianthus chinensis". Le sue varietà storiche più famose sono: Alice, Manon, Faust, Castellaro. Tuttora alcune sue varietà sono leader nei principali mercati mondiali del garofano: il Nelson in Colombia ed il Francesco nei mercati orientali".

Appassionato del suo lavoro, sapeva trasmettere il suo sapere ai giovani, l'amore per una professione così importante e fondamentale per la nostra provincia. All'età di 81 anni stava ancora attivamente lavorando alla creazione di nuove varietà e al perfezionamento delle sue linee di "cinesini".

Mena Arnaldi

Suggerimenti:


News
Download
Site map
 
Webmaster: Raffaele Di Meglio
Projectmanager: Mariagrazia Mazzella